Archive for Curiosità e misteri

A cura della Direzione dei Bed & Breakfast "A home for holiday" e "A room for holiday" di Roma Centro

Aggiornato al 5 gennaio 2013

   

Arte e Storia. Roma Antica e Barocca

 PIAZZA  NAVONA

Stadio di Domiziano

 

DOVE. Piazza Navona, Stadio di Domiziano

COME ARRIVARE. bus 81, 87, 186, fermata Rinascimento-Piazza Navona; oppure bus 571, fermata Corso Vittorio-altezza Rinascimento

 Storia

Note storiche: L'area di Piazza Navona a Roma ricalca le dimensioni e la forma dell'antico Stadio di Domiziano, costruito intorno all'86 d.C. L'antica arena romana, lunga oltre 270 metri e larga circa 55, era in grado di ospitare fino a 33.000 persone. Restaurata da Alessandro Severo e sistemata successivamente per intervento di Papa Innocenzo X, nella piazza, ormai nella forma attuale,  furono organizzati fino al XIX secolo, vari generi di spettacoli, celebrazioni, e durante il mese di agosto, quando la piazza veniva allagata chiudendo gli scarichi delle fontane, perfino naumachie. Il nome "Piazza Navona" trova probabilmente origine dalle competizioni che si svolgevano nell'area; dal termine latino "in agone" infatti, si sarebbe nel tempo passati al volgare "nagone" e definitivamente a "navona".

Arte

Piazza Navona è longitudinalmente segnata dalla presenza di tre fontane:

  • ai lati, la Fontana del Nettuno,
  • .
  •  e la Fontana del Moro, ambedue su progetto di Giacomo della Porta, e
  • .
  • e al centro, la Fontana dei Fiumi, realizzata dal Bernini fra il 1648 ed il 1651 d.C. Questa fontana rappresenta con quattro giganti i grandi fiumi allora conosciuti dei quattro continenti : il Nilo, il Gange, il Danubio e il Rio della Plata.

Nessuna piazza di Roma può competere con la scenografia di Piazza Navona. Di giorno come di notte c'è sempre movimento nella zona pedonale intorno alle tre magnifiche fontane. Nella zona vi sono anche molte chiese barocche e palazzi rinascimentali. Di fronte a quest'ultima sorge, sulle rovine dello stadio Domiziano e di un antica basilica ancora visitabili dai sotterranei dell'edificio, la Chiesa di Sant'Agnese in Agonebellissima chiesa barocca a croce greca,  che fu

  • costruita sul luogo in cui nel 304 d.C. la giovane Sant'Agnese fu esposta nuda perché rinunciasse alla sua fede. Un rilievo in marmo mostra la crescita miracolosa dei suoi capelli che scesero a coprirle il corpo. La santa venne martirizzata qui e sepolta nelle catacombe che portano il suo nome lungo la via Nomentana.
  • .
  • La chiesa fu progettata inizialmente da Rinaldi e completata nel 1652 dal Borromini con la caratteristica facciata concava (che domina un lato di Piazza Navona), i campanili gemelli e la cupola.

 

Curiosità:

Si è detto che la rivalità tra i due artisti Bernini e Borromini sia visibile nell'espressione delle statue della Fontana dei Fiumi (Bernini) , che sembrano inorridire di fronte alla facciata della Chiesa di Sant'Agnese (Borromini). Due geni del barocco, l'uno arrogante, l'altro depresso.

Uno dei fiumi della fontana, il Nilo, non si copre gli occhi per non vedere la chiesa, ma perché all'epoca non se ne conosceva ancora la sorgente. E il gigante che rappresenta il Rio della Plata, opera di Francesco Baratta, non alza la mano in segno di timore sulla tenuta della chiesa. Così come la statuina della piccola Agnese, sulla facciata, non mette la mano sul cuore per rassicurarlo.

In realtà tali dicerie sono prive di fondamento, poiché la Fontana è del 1651 e la Chiesa venne completata nel 1657, quindi Bernini completò la fontana prima che Borromini iniziasse la Chiesa.

 

Shopping:

Lungo Via del Governo Vecchio che dalla piazza muove verso il Lungotevere, vi sono molti negozi di antiquariato. E' tra I 10 luoghi di Roma da non perdere N.B.: Piazza Navona è vicina al Pantheon, (5 minuti a piedi), si consiglia una visita di entrambi i monumenti nello stesso itinerario. E' vicina anche a Fontana di Trevi (percorso di 10 minuti a piedi), quindi potete visitarla, per omogeneità di stile barocco.

 

 Costume

Luogo di bancarelle, pittori ed artisti di strada; vi si tengono iniziative durante le feste natalizie, con il culmine della Notte della Befana

 

Comunicazione

Luogo di manifestazioni varie, tra cui:

  1. (es.: "Poveri ma belli" e
  2. "Sabato, domenica e lunedì")
  3. (vedi nostra pagina Roma nei FILM)

 

Vedi nostre pagine sulla Roma Barocca:

Roma rinascimentale e barocca. Caravaggio ed altri

Roma rinascimentale e barocca. Galleria Borghese

 

 

Per itinerari a Roma, vedi nostre pagine

TOUR di ROMA, in 1 giorno, in un weekend, in 2-3-4-5 giorni o in 1 settimana (ITINERARI consigliati su cosa vedere in poco tempo e perché)

e

QUARTIERI di ROMA e LUOGHI da vedere (ITINERARI consigliati) per ARTE, NATURA, Storia, SPETTACOLO e Salute (San Giovanni, COLOSSEO, FORO, Navona, Pantheon, Fontana TREVI, Piazza di SPAGNA, Castel Sant’Angelo, SAN PIETRO, Vaticano, etc.)

 

e per i mezzi pubblici di Roma, vedi nostra pagina SERVIZI. TRASPORTI. Metropolitana e Bus di Roma. Cambiamento mobilità

 

 

 

 

—————————————————————————————-

  A cura della Direzione dei Bed and  Breakfast  

"A room for holiday" e "A home for holiday" di Roma Centro,

5 gennaio 2013

A cura della Direzione dei Bed & Breakfast "A home for holiday" e "A room for holiday" di Roma Centro

Aggiornato al 29 aprile 2012

 ARTE e STORIA. Roma Antica e Moderna.

CASTEL SANT’ANGELO

castel sant'angelo

 

 DOVE: Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo, Lungotevere Castello n. 50,

COME ARRIVARE: Bus 87, capolinea Cavour; oppure bus 81, Lungotevere.

Note sul Monumento:

Edificata nel 139 d.C. , come monumento funerario dell’imperatore Adriano, ispirato al Mausoleo di Augusto, ha svolto molti ruoli da allora: avamposto delle Mura Aureliane, cittadella e prigione medievalee residenza dei papi nei periodi di incertezza politica.

Infatti, la massicca fortezza  che prende il nome dalla statua dell'Arcangelo Michele posta sulla sua cima, fu

  • piazzaforte rinforzata da mura con Aureliano, baluardo di Roma nel corso delle guerre gotiche,
  • roccaforte del potere temporale e
  • a volte residenza papale dopo la "cattività" avignonese, al di là del Tevere (con via d’accesso interna a San Pietro, lo storico “Passetto” oggi parte del confine tra i due Stati, Italia e Vaticano).
  • Il corridoio vaticano conduce dal Castello al Palazo del Vaticano, fu costruito nel 1277 per consentire una via di fuga al Papa in caso di pericolo.

Dal 1925 è sede del Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo, che conserva pochi resti della decorazione adrianea e altri reperti archeologici, arredi di varie epoche pertienti al Castello, una importante collezione di armi dal Medioevo al XX secolo, dipinti (Zavattari, Poussin, Dosso Dossi, Lotto).

Numerosi gli ambienti di grande interesse:

  • la rampa elicoidale e la camera funeraria di età adrianea;
  • .
  • la loggia di Giulio II e quella di Paolo III; i magazzini con le "Oliare" di Alessandro VI;
  • .
  • la Sala Paolina dalla decorazione manieristica;
  • .
  • la camera del Perseo col magnifico fregio.

Su quattro piani e sei livelli di visita, si può andare dal cortile, ove è posta la statua dell’Angelo in marmo, alla terrazza, sulla quale si erge la grande statua bronzea dell’Angelo che sovrasta Roma con vista panoramica sul centro città, i tetti delle case e le chiese;  e sul fiume, i suoi ponti e i Lungotevere.

 Dell'imperatore Adriano, ricordiamo altri due monumenti:

- il Pantheon e

- Villa Adriana, a  Tivoli.

  Curiosità:

La terrazza di Castel Sant'Angelo è

 

E'' uno dei 10 luoghi di Roma da non perdere.

Visitabile di notte, durante l'Estate Romana

Ed è uno dei "Punti panoramici di Roma"

 

Per itinerari a Roma, vedi nostre pagine

TOUR di ROMA, in 1 giorno, in un weekend, in 2-3-4-5 giorni o in 1 settimana (ITINERARI consigliati su cosa vedere in poco tempo e perché)

e

QUARTIERI di ROMA e LUOGHI da vedere (ITINERARI consigliati) per ARTE, NATURA, Storia, SPETTACOLO e Salute (San Giovanni, COLOSSEO, FORO, Navona, Pantheon, Fontana TREVI, Piazza di SPAGNA, Castel Sant’Angelo, SAN PIETRO, Vaticano, etc.)

 

e per i mezzi pubblici di Roma, vedi nostra pagina SERVIZI. TRASPORTI. Metropolitana e Bus di Roma. Cambiamento mobilità

 

 

—————————————————————————————-

 (A cura della Direzione dei Bed and  Breakfast

"A room for holiday" e "A home for holiday" di Roma Centro,

29 aprile 2012)

 

A cura della Direzione dei Bed & Breakfast "A home for holiday" e "A room for holiday" di Roma Centro

Aggiornato al 29 aprile 2012

Arte e Storia.

Roma barocca

FONTANA DI TREVI

(vicino al quartiere San Giovanni in Laterano) 

 Trevi Fountain, Rome, Italy 2 - May 2007.jpg

 

DOVE. Piazza di Trevi

COME ARRIVARE: Metropolitana Linea A, fermata Barberini-Fontana di Trevi

Luogo: è la più grande e famosa fontana di Roma, che  riempie la piccola piazza di Trevi, il cui nome deriva dal trivio che coinfluisce su piazza dei Crociferi.

Note d'arte

 Ispirata agli archi di trionfo, fu progettata nel 1762 da Nicola Salvi nel 1762, appoggiata a Palazzo Poli.

La fontana settecentesca è un magistrale esempio di connubio fra classicismo e barocco in una delle piazze più note della Capitale.

Compone uno degli scenari più famosi al mondo, e che rappresenta una delle mete turistiche più visitate della città.

—————————–

Note di storia:

La fontana è l'elemento terminale dell'acquedotto Vergine, uno dei più antichi acquedotti romani, tuttora in uso fin dal tempo di Augusto.

Fu voluto nel 19 a.C. da Marco Vipsanio Agrippa, per alimentare le terme che egli stesso aveva fatto costruire al Pantheon. Nel 1453 il papa Nicolò V avviò un'opera di bonifica dell'acquedotto, della quale furono incaricati Leon Battista Alberti e Bernardo Rossellino, architetti dell'Acqua Vergine.

L'opera fu evidentemente di estrema importanza per la città, che poteva servirsi nuovamente di acqua sorgente, invece che dell'acqua del Tevere. In sostituzione della fontana originaria, a tre vasche – quanti i condotti dell'acqua – e con il prospetto parallelo a via del Corso, fu realizzato un nuovo prospetto, che prevedeva un'iscrizione con gli stemmi del pontefice e del popolo romano, al di sotto della quale l'acqua, sgorgando da tre getti, si raccoglieva in una vasca rettangolare.

La fontana che oggi ammiriamo fu iniziata per volere del papa Clemente XII, nel 1732, dopo che nell'area, a partire dal 1640, si erano intrapresi lavori di restauro fermatisi, però, a un basamento a esedra, realizzato da Gian Lorenzo Bernini. Nello stesso tempo la famiglia Poli, proprietaria degli edifici retrostanti, aveva edificato i due prospetti simmetrici che avrebbero poi fatto da sfondo alla splendida scenografia della fontana.

————————-

N.B. Fontana di Trevi si può fare un percorso a piedi fino a Piazza Navona, altro luogo importante della Roma Barocca.

Durante il percorso, attraverserete la Piazza del Pantheon, con l'omonimo Tempio, di arte romana.

————————-

Curiosità

  •  
  • .
  • Per la sua grandiosa e teatrale scenografia, è stata utilizzata in moltissimi film ambientati a Roma, tra cui film romantici come "Tre soldi nella fontana" e "Vacanze romane" e il famoso film di Federico Fellini "La dolce vita", un ritratto satirico della Roma degli anni '50 del Novecento.
  • .
  • - Anche se allora Anita Ekberg lo fece (e con lei, Marcello Mastroianni) oggi bagnarsi nelle fontane di Roma è proibito.
  • .
  • E' consentito, anzi gradito, gettare una monetina nella fontana: secondo la tradizione, il turista che lo fa, tornerà a Roma.

 

E' uno dei 10 luoghi di Roma da non perdere.

 

Per itinerari a Roma, vedi nostre pagine

TOUR di ROMA, in 1 giorno, in un weekend, in 2-3-4-5 giorni o in 1 settimana (ITINERARI consigliati su cosa vedere in poco tempo e perché)

e

QUARTIERI di ROMA e LUOGHI da vedere (ITINERARI consigliati) per ARTE, NATURA, Storia, SPETTACOLO e Salute (San Giovanni, COLOSSEO, FORO, Navona, Pantheon, Fontana TREVI, Piazza di SPAGNA, Castel Sant’Angelo, SAN PIETRO, Vaticano, etc.)

 

e per i mezzi pubblici di Roma, vedi nostra pagina SERVIZI. TRASPORTI. Metropolitana e Bus di Roma. Cambiamento mobilità

—————————————————————————————-

 A cura della Direzione dei Bed and  Breakfast

 "A room for holiday" e "A home for holiday" di Roma Centro,

29 aprile 2012

A cura della Direzione dei Bed & Breakfast "A home for holiday" e "A room for holiday" di Roma Centro

Aggiornato al 29 aprile 2012

 

 Arte e Storia. Roma barocca.

 

 PIAZZA DI SPAGNA

e Scalinata di Trinità dei Monti

la scalinata di piazza di spagna

 (Piazza di Spagna, con Barcaccia in primo piano e Scalinata di Trinità dei Monti)

 

DOVE: Piazza di Spagna

COME ARRIVARE: Metropolitana Linea A, fermata Spagna; oppure bus 117, fermata Spagna

LUOGO: Dalla caratteristica forma a farfalla e circandata da case con alte finiestre, dipinte in vari toni di ocra, crema e rosso ruggine, è sempre affollata di giorno e, nel periodo estivo, anche di notte.

E' la Piazza più famosa di Roma e ha sempre costituito un punto di riferimento per tutti i turisti.

Nel XVII secolo sulla piaza sorgeva l'Ambasciata di Spagna e la zona tutta intorno era considerata territorio spagnolo. Gli stranieri che imprudentemente vi si inoltravano rischiava di venire forzatamente aruolati nell'esercito spagnolo.

La forma attuale dell'intera area comincia a delinearsi intorno ai primi del '500 quando viene varata, su progetto di Carlo Maderno, la costruzione della chiesa francescana di Trinità dei Monti, consacrata poi da Sisto V nel 1587 d.C.

La scalinata di Trinità dei Monti nasce soltanto fra il 1723 ed il 1726 d.C. per mano di Francesco De Sanctis, come una serie di rampe e terrazzi, mai vincolati ad una qualche forma di simmetria spaziale ed in un perenne movimento scenografico grazie all'uso di percorsi rettilinei, curvi e poliganali.


Dai piedi della scalinata, come ideale punto di partenza della celebre e mondana Via Condotti, la Piazza si allarga davanti alla collina del Pincio.

Al suo centro, la Fontana della Barcaccia è la meno appariscente delle fontane barocche di Roma, opera di Gian Lorenzo Bernini o di suo padre Pietro.

Le api e i soli che la decorano sono i simboli della famiglia di Urbano VIII Barberini committente della fontana.

 Culto

8 dicembre: Atto di venerazione all'Immacolata

 

Shopping:

La trama di vie tra Piazza di Spagna e Via del Corso è una delle zone più esclusive di Roma, con i negozi di Via Condotti e i caffè della Piazza, come

  • Caffè Greco e
  • Sala da Tè Babington's

Curiosità:

  • Nel XVIII e XIX secolo Roma era frequentata dai turisti quanto lo è oggi e la piazza si trovava proprio nel cuore della zona dei principali alberghi.
  • .
  • La bassa pressione dell'acquedotto che alimentava la fontana non consentì di realizzare spruzzi o cascate; così, al loro posto, Bernini progettò una vecchia barca semiaffondata, una barcaccia, che giace in una bassa vasca.

 

E' tra i 10 luoghi di Roma da non perdere.

Ed è uno dei "Punti panoramici di Roma"

 

 

Per itinerari a Roma, vedi nostre pagine

TOUR di ROMA, in 1 giorno, in un weekend, in 2-3-4-5 giorni o in 1 settimana (ITINERARI consigliati su cosa vedere in poco tempo e perché)

e

QUARTIERI di ROMA e LUOGHI da vedere (ITINERARI consigliati) per ARTE, NATURA, Storia, SPETTACOLO e Salute (San Giovanni, COLOSSEO, FORO, Navona, Pantheon, Fontana TREVI, Piazza di SPAGNA, Castel Sant’Angelo, SAN PIETRO, Vaticano, etc.)

 

e per i mezzi pubblici di Roma, vedi nostra pagina SERVIZI. TRASPORTI. Metropolitana e Bus di Roma. Cambiamento mobilità

—————————————————————————————-

(A cura della Direzione dei Bed and  Breakfast

"A room for holiday" e "A home for holiday" di Roma Centro,

29 aprile 2012)

ago
05

ARTE e STORIA ROMANA. Il COLOSSEO

Posted by: | Comments (5)

A cura della Direzione dei Bed & Breakfast "A home for holiday" e "A room for holiday" di Roma Centro

Aggiornato al 29 aprile 2012

  

Il  COLOSSEO

 

Anfiteatro Flavio

(vicino al quartiere San Giovanni in Laterano) 

 Colosseo

 (particolare del Colosseo ed effige sulla moneta da 50 centesimi)

 

Tre righe per il Colosseo:

 

 

 In primo piano, estate romana dei Musei: Apertura serale

——————————————————–

Il Monumento

 

Iniziata la costruzione da parte di Vespasiano nel 72 d. C. dove era prima il lago della Domus Aurea, il Colosseo aveva tre ordini di arcate, con colonne di stile dorico, ionico e corinzio rispettivamente al primo, secondo e terzo livello; un quarto livello parzialmente distrutto e a copertura, un velario.

Venne inaugurato da Tito il 21 aprile 834 di Roma, ovvero l'anno 80 d. C., con cento giorni di festeggiamenti, comprendenti carneficine di uomini e di animali.

Ebbe modifiche durante il regno di Domiziano, il terzo imperatore della dinastia dei Flavii, al quale si deve la costruzione del limitrofo Ludus Magnus, la paletra dei gladiatori, collegata al Colosseo da comunicazione sotterranea.

Il Monumennto, a forma di ellisse, aveva la circonferenza di 527 metri, l'asse maggiore di 180 metri e il minore di 156 metri, per tre ordini di 80 arcate ciascuno, ciascun ordine recante colonne di stile, rispettivamente, dorico, ionico e corinzio., al primo, secondo e terzo livello.

Aveva un'altezza di circa 50 metri (attualmente, di m. 48,5), un immenso velario a copertura, e la capienza di 40-73.000 spettatori, suddivisi nella cavea a seconda del censo di appartenenza. L'arena all'interno misura m. 86 per m. 54, con una superficie di m² 3.357.

 

Il Colosseo era in origine interamente rivestito di lastre di travertino, poi usate nella costruzione di antichi e nobili edifici romani.

D'altronde il Colosseo, fin dal Medioevo, quando fu trasformato in fortezza,  era diventato una cava di pietra, prima dei massi caduti e poi depredato con demolizioni.

Dei suoi materiali, utilizzati fino alla metà del XVIII secolo,  quando Benedetto XIV lo trasformò in Via Crucis, sono eredi:

  • i Palazzi Barberini e Farnese, il Palazzo della Cancelleria;
  • la Chiesa di Sant'Agostino;
  • la scalinata di San Pietro e la Loggia delle Benedizioni della Basilica;
  • la tribuna di San Giovanni in Laterano;
  • Palazzo San Marco e il porto di Ripetta.

———————————————————

(*) Il Colosseo e Roma, la Città Eterna

 

 Finché esisterà il Colosseo, esisterà anche Roma;

quando cadrà il Colosseo, cadrà anche Roma;

quando cadrà Roma, cadrà anche il mondo."

 

(Profezia del venerabile Beda, monaco del VII sec. d.C.)

——————————————————————————

Ingresso al Monumento

 

 

Orari e Informazioni sulle visite al Colosseo.

Informazioni utili e recapiti telefonici

Colosseo – Anfiteatro Flavio
Piazza del Colosseo – tel. 06 7740091


orario visite:

  • dal 1 settembre al 30 settembre:
    dalle ore 8.30 alle 19.00 – ultimo ingresso ore 18.00
  • dal 1 al 25 ottobre:
    dalle ore 8.30 alle18.30 – ultimo ingresso ore 17.30
  • dal 26 ottobre al 15 febbraio 2009:
    dalle ore 8.30 alle 16.30 – ultimo ingresso ore 15.30
  • dal 16 febbraio al 15 marzo:
    dalle ore 8.30 alle 17.00 – ultimo ingresso ore 16.00
  • dal 16 al 29 marzo:
    dalle ore 8.30 alle 17.30 – ultimo ingresso ore 16.30
  • dal 30 marzo al 31 agosto:
    dalle ore 8.30 alle 19.15 – ultimo ingresso ore 18.15

Ingresso: € 9,00 comprensivo di ingresso al Palatino
 

ll Monumento è tra i luoghi visitabili con carta ROMAPASS

Nel periodo pasquale, Via Crucis col Papa, in diretta televisiva.

————————————- 

La Mostra: "Gladiatores"

 

DOVE: Colosseo, Piazza del Colosseo n. 1, ingresso Portale del Vignola, presso Arco di Costantino.

COME ARRIVARE al Colosseo: Bus 81, 85, 87, 571, 810 e 850 (fermata di fronte stazione "Colosseo", Metropolitana Linea B .

DURATA. dal 26 marzo al 3 ottobre 2010, Mostra "GLADIATORES"

raccolta di oggetti antichi e di oggetti moderni che riproducono l'antico, per illustrare i combattimenti e la quotidianità della gladiatura a Roma.

  • sempre al Colosseo, nella primavera del 2010, si è tenuta la Mostra "Divus Vespasianus", dedicata agli imperatori della dinastia Flavia, che compie duemila anni: Vespasiano, Tito e Domiziano.

—————————————————-

Il Monumento: il Colosseo

 

Il Museo che la ospita: "Colosseo" è l'appellativo dell’Anfiteatro Flavio.

.

 

Utilità: Biglietti integrati Colosseo, Foro Romano e Palatino.

 

—————————————–

 

Curiosità:

 

Il Colosseo è candidato tra le Sette Meraviglie del Mondo Moderno

  • La Piramide di Cheope (candidata onoraria, poiché unica sussistente delle sette meraviglie del mondo antico)
  • La Grande Muraglia Cinese
  • La città di Petra in Giordania
  • il Cristo Redentore di Rio de janeiro
  • la città perduta di Machu Pittchu
  • Complesso di Chitchen Itzà
  • il Taj Mahal

Elenco che va ad integrare le Sette Meraviglie del Mondo (Antico, quindi), ovvero

  • La Piramide di Cheope (unica esistente, perciò candidata onorario nelle sette meraviglie del mondo moderno)
  • il Tempio di Artemide ad Efeso,
  • il faro di Alessandria,
  • il Mauseoleo di Alicarnasso, 
  • la statua di Zeus ad Olimpia,
  • il Colosso di Rodi e
  • i Giardini pensili di Babilonia
  •  

Per itinerari a Roma, vedi nostre pagine

TOUR di ROMA, in 1 giorno, in un weekend, in 2-3-4-5 giorni o in 1 settimana (ITINERARI consigliati su cosa vedere in poco tempo e perché)

e

QUARTIERI di ROMA e LUOGHI da vedere (ITINERARI consigliati) per ARTE, NATURA, Storia, SPETTACOLO e Salute (San Giovanni, COLOSSEO, FORO, Navona, Pantheon, Fontana TREVI, Piazza di SPAGNA, Castel Sant’Angelo, SAN PIETRO, Vaticano, etc.)

 

e per i mezzi pubblici di Roma, vedi nostra pagina SERVIZI. TRASPORTI. Metropolitana e Bus di Roma. Cambiamento mobilità

 

 

——————————————————

A cura della Direzione dei Bed and  Breakfast

"A room for holiday" e "A home for holiday" di Roma Centro,

29 aprile 2012

A cura della Direzione dei Bed & Breakfast "A home for holiday" e "A room for holiday" di Roma Centro

Aggiornato al  29 aprile 2012

 

ARTE E STORIA. MONUMENTI di Roma Antica

 CULTO (Luoghi). Chiese e BASILICHE.

 

Il  PANTHEON

 (vicino al quartiere San Giovanni in Laterano) 

 

 

Il Pantheon di Roma in tre righe:

  • - il monumento romano antico meglio conservato attualmente;
  • .
  •  ha la più grande cupola mai costruita in muratura (il suo diametro infatti misura 43,3 metri)
  • .
  • - il suo nome Pantheon, significa "Tempio di tutti gli Dei",  ma dal 608 d.C. è la Chiesa di Santa Maria ai Martiri.

-

 

DOVE: piazza della Rotonda

COME ARRIVARE: bus 81, 87, fermata Corso Rinascimento; oppure bus 81, 87 e 571, fermata Argentina

 

Un po' di storia:

Fu tempio antico, costruito da Agrippa (amico e genero di Augusto) nel campo Marzio, con funzione di traino nei confronti dei ceti emergenti,e che, insieme al gigantesco mausoleo dell'imperatore, fecero della zona il luogo delle celebrazione del nuovo corso del potere, parallelamente alla trasformazione del Foro. 

Il Pantheon fu poi ricostruito da Adriano, con la particolare sala "Rotonda" (appellativo locale per il monumento) di stile romano, alle spalle del pronao di un tempio classico greco, che ne fecero un capolavoro d'ingegneria.

Trasposto il luogo da tempio di culto pagano a chiesa di quello cristiano, i "Martiri" sono quelli delle spoglie traslate dalle catacombe nei sotterranei del Pantheon. 

Dell'imperatore Adriano, ricordiamo altri due monumenti:

- Mole Adriana, oggi Castel Sant'Angelo e

- la Villa Adriana, a Tivoli.

 

 Curiosità

 

- Al Pantheon,  sono stati sepolti i pittori Raffaello e Annibale Carracci. 

 

 - Vi sono anche le  "Reali Tombe", ovvero le spoglie di vari re d'Italia, fra i quali Vittorio Emanuele II, la regina Margherita e il figlio Umberto I.
 
  
 
 ——————————————————————————-
 
  E' per noi tra "I 10  luoghi di Roma da non perdere"

N.B.: Il Pantheon é vicino a Piazza Navona: utile una visita nello stesso itinerario.

Da Piazza Navona , per omogeneità di stile, potete andare a Fontana di Trevi.

 

 

Per itinerari a Roma, vedi nostre pagine

TOUR di ROMA, in 1 giorno, in un weekend, in 2-3-4-5 giorni o in 1 settimana (ITINERARI consigliati su cosa vedere in poco tempo e perché)

e

QUARTIERI di ROMA e LUOGHI da vedere (ITINERARI consigliati) per ARTE, NATURA, Storia, SPETTACOLO e Salute (San Giovanni, COLOSSEO, FORO, Navona, Pantheon, Fontana TREVI, Piazza di SPAGNA, Castel Sant’Angelo, SAN PIETRO, Vaticano, etc.)

 

e per i mezzi pubblici di Roma, vedi nostra pagina SERVIZI. TRASPORTI. Metropolitana e Bus di Roma. Cambiamento mobilità

———————————————————————–

 

(A cura della Direzione dei Bed and  Breakfast

"A room for holiday" e "A home for holiday" di Roma Centro,

29 aprile 2012)

 

A cura della Direzione dei Bed & Breakfast “A home for holiday” e “A room for holiday” di Roma Centro

Aggiornato al 5 febbraio 2013

 

 

Punti panoramici di Roma

 

 

Le vedute più belle della città dall'alto

  

 
 
 

 

Panorama dall'Aventino: La Cupola di San Pietro

 (Panorami dal Colle Aventino:

a sinistra, Cupola di San Pietro, vista dal Giardino degli Aranci;

 a destra, il Colle Palatino, da sopra il Circo Massimo)

 

 

 

 

- Aventino Piazza dei Cavalieri di Malta,  e Giardino degli Aranci

 

- Belvedere Antonio Cederna, Clivo di Acilio, di fronte al Colosseo

 

- Campidoglio, Piazza del Campidoglio, e  Terrazza di Palazzo Caffarelli (*)

 

- Castel Sant’Angelo, Lungotevere Castello e piazzale antistante (*)

 

- Celio, Piazza del Celio,  e Villa Celimontana

 

- Cupola della Basilica di San Pietro, Piazza San Pietro, Vaticano

 

- Gianicolo, Piazzale Giuseppe Garibaldi, Monteverde (*)

 

- Monte Mario, Parco Mellini, Trionfale (*)

 

- Colle Oppio, parco sull’ Esquilino

 

- Palatino (Colle)

 

- Pincio, con Terrazza in Piazzale Napoleone I, Villa Borghese (*)

 

- Trinità dei Monti, Scalinata sopra Piazza di Spagna (*)

 

- Quirinale, Piazza del Quirinale, e Terrazza

 

- Vittoriano, Piazza Venezia, e Terrazza (con  ascensori panoramici)

 

 

Roma: Piazza Venezia

 (Panorama di Piazza Venezia e Via del Corso, dalla terrazza dell'Altare della Patria, sul Vittoriano)

 

————————–

 Curiosità:

 

I punti panoramici, oltre alla bella vista, consentono di fare bellissime fotografie

 

Alcuni sono tra i luoghi più belli di Roma, vedi nostra sezione “I 10 LUOGHI DI ROMA DA NON PERDERE”

 

Se volete, vedete anche "I 15 tesori di Roma da scoprire"

 

(*) Panorama, con Bar con Caffè più buoni di Roma

 

N:B.: I punti panoramici spesso coincidono con i "sette colli di Roma"

 

——————————————————————————

 

Per itinerari a Roma, vedi nostre pagine

TOUR di ROMA, in 1 giorno, in un weekend, in 2-3-4-5 giorni o in 1 settimana (ITINERARI consigliati su cosa vedere in poco tempo e perché)

e

QUARTIERI di ROMA e LUOGHI da vedere (ITINERARI consigliati) per ARTE, NATURA, Storia, SPETTACOLO e Salute (San Giovanni, COLOSSEO, FORO, Navona, Pantheon, Fontana TREVI, Piazza di SPAGNA, Castel Sant’Angelo, SAN PIETRO, Vaticano, etc.)

 

e per i mezzi pubblici di Roma, vedi nostra pagina SERVIZI. TRASPORTI. Metropolitana e Bus di Roma. Cambiamento mobilità

 

 

———————————————————————

A cura della Direzione dei Bed and  Breakfast

“A room for holiday” e “A home for holiday” di Roma Centro,

5 febbraio 2013

 

A cura della Direzione dei Bed & Breakfast "A home for holiday" e "A room for holiday" di Roma Centro

Aggiornato al 29 aprile 2012

 

CHIESE E BASILICHE.  e  ARTE   e   STORIA. MEDIOEVO.

 

Basilica di San Clemente

 

Quartiere di San Giovanni in Laterano

 

DOVE: Via di San Giovanni in Laterano

COME ARRIVARE. a piedi dal B&B oppure con un paio di fermte di bus

Un  vero e proprio gioiello architettonico e religioso, di Roma medievale, da scoprire, tra la Basilica di San Giovanni e il Colosseo.

 

Tre strati architettonici, a testimonianze di tempi e vicende diverse, innestati uno sull'altro come un unicum da non perdere.

  • Tempio al Dio Mitra (Mitreo) del II secolo ed edifici romani del V secolo

 

  • .

.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

  •  
  •  
  • - basilica "inferiore" paleocristiana del 385 d.c. (accesso dalla sacrestia) e
  •  
  •  
  • - basilica attuale, detta "superiore", romanica del 1108 (con "Schola Cantorum" del XII secolo) ;

 

 - nonché chiostro sull'accesso principale in Piazza San Clemente (protiro che immette sul un quadriportico con colonne ioniche (l'accesso laterale su Via di San Giovanni è quello di maggior uso attuale)

In primo piano:

San Clemente rappresenta certamente l'esempio più lampante di cosa significhi sotterraneità e Roma sotterranea, poichè dall'epoca romana a oggi, oltre all'accumulo di detriti, nuove riedificazioni hanno determnato un rialzamento del piano di calpestio e di conserguenza una straordinaria testimonianza stratigrafica, con il suggestivo grande ipogeo  e le importantissime  pitture tuttora perfettamente visibili. 

Curiosità:

  • poiché i sotterranei si sviluppano su più piani, è difficile comprendere con un colpo d'occhio l'aspetto originario della basilica medievale al primo piano sotterraneo, in quanto troppi elementi di disturbo lo impediscono: il colonnato della navata si confonde con i pilastri di sostegno della chiesa superiore, al secondo piano sotterraneo, le cui strutture più recenti si sono incastrate a quelle più antiche;
  • .
  • da uno dei locali, apertura nel pavimento con vista sotterranea del torrente Labicano (che confluisce nel vicino Tevere)

 

E' tra "I 15 tesori di Roma da scoprire"

 

 

Per itinerari a Roma, vedi nostre pagine

TOUR di ROMA, in 1 giorno, in un weekend, in 2-3-4-5 giorni o in 1 settimana (ITINERARI consigliati su cosa vedere in poco tempo e perché)

e

QUARTIERI di ROMA e LUOGHI da vedere (ITINERARI consigliati) per ARTE, NATURA, Storia, SPETTACOLO e Salute (San Giovanni, COLOSSEO, FORO, Navona, Pantheon, Fontana TREVI, Piazza di SPAGNA, Castel Sant’Angelo, SAN PIETRO, Vaticano, etc.)

 

e per i mezzi pubblici di Roma, vedi nostra pagina SERVIZI. TRASPORTI. Metropolitana e Bus di Roma. Cambiamento mobilità

 

———————————————————–

A cura della Direzione dei Bed and  Breakfast

"A room for holiday" e "A home for holiday" di Roma Centro,

29 aprile 2012

 

A cura della Direzione dei Bed &  Breakfast "A home for holiday" e "A room for holiday" di Roma Centro

Aggiornato al 29 aprile 2012

 

CHIESE E BASILICHE. ARTE. ROMA DAL 1700 ad oggi.

 

Chiesa di Dio Padre Misericordioso,

 

Esterno

Chiesa per il Giubileo del 2000

 

 

DOVE: Quartiere Tor Tre Teste, periferia di Roma

COME ARRIVARE: Metropolitana Linea A, direzione Anagnina, fermata Subaugusta; bus 451, fermata Viale Togliatti; bus 556

- La Chiesa di Dio Padre Misericordioso ha la forma di “Tre vele” di cemento bianchissimo, simbolo della Trinità,un’architettura ardita e verticale, pur dalle dimensioni contenute.

 

Le “tre vele” sono state progettate da Richard Meyer, come la Teca dell’Ara Pacis (vedi Museo dell’Ara Pacis, PROPOSTE. ARTE E STORIA).

 

La Chiesa di Dio Misericordioso è il memoriale del Grande Giubileo del 2000, in periferia e in una forma modernissima e spettacolare, a testimonianza di come la Chiesa fosse la barca del cattolicesimo verso il terzo Millennio, con al timone il successore di Pietro, testimonianza visibile del suo cammino.

Fortemente voluta da Papa Giovanni Paolo II per essere e trasposizione visiva dei contenuti dell'Enciclica “Dives in Misericordia” emanata dal Santo Padre nel Novembre del 1980.

Nel documento il Papa spinge l'umanità tutta ad “…attingere nell'eterno per affrontare le grandi preoccupazioni contemporanee…” (Giovanni Paolo II) e la nuova chiesa doveva irradiare questo messaggio di grande attualità.

     

 

 

 

 Curiosità:

L'imponenza e l'originalità del progetto sono stati una sfida per la moderna ingegneria italiana.

  • Le vele autoportanti sono realizzate in conci, ciascuno del peso di 12 tonnellate.
  • .
  • Per il montaggio delle strutture sono state inventate delle macchine specifiche capaci di sopportare tanta sollecitazione.
  • .
  • Inoltre il bianco splendente delle superfici esterne della Chiesa è ottenuto grazie ad un nuovo tipo di cemento (Bianco TX Millenium) autopulente, che garantisce l'inalterazione del colore delle superfici attraverso il tempo.
  • .

La Chiesa di Tor Tre Teste è il frutto, dunque, del potente messaggio giubilare, della maestria architettonica e delle capacità tecniche dell'industria italiana.

 

E' tra "I 15 tesori di Roma da scoprire"

 

Per itinerari a Roma, vedi nostre pagine

TOUR di ROMA, in 1 giorno, in un weekend, in 2-3-4-5 giorni o in 1 settimana (ITINERARI consigliati su cosa vedere in poco tempo e perché)

e

QUARTIERI di ROMA e LUOGHI da vedere (ITINERARI consigliati) per ARTE, NATURA, Storia, SPETTACOLO e Salute (San Giovanni, COLOSSEO, FORO, Navona, Pantheon, Fontana TREVI, Piazza di SPAGNA, Castel Sant’Angelo, SAN PIETRO, Vaticano, etc.)

 

e per i mezzi pubblici di Roma, vedi nostra pagina SERVIZI. TRASPORTI. Metropolitana e Bus di Roma. Cambiamento mobilità

 

 ———————————————————————

(A cura della Direzione dei Bed and  Breakfast

"A room for holiday" e "A home for holiday" di Roma Centro,

29 aprile 2012

 

A cura della Direzione dei Bed &  Breakfast "A home for holiday" e "A room for holiday" di Roma

Aggiornato al 2 febbraio 2013

 

ARTE E STORIA. ROMA ANTICA

Terme di Caracalla e di Diocleziano

 

TERME DI CARACALLA

DURATA In primo piano

APERTURA SERALE DAL 21 AGOSTO AL 23 OTTOBRE 2010, soltanto il sabato.

Da aggiornare eventualmente per il 2013

 

Le Thermae Antoninianae furono costruite sulle pendici del Piccolo Aventino verso la via Appia, a partire dal 212 e dedicate nel 216 da  Caracalla, con il recinto esterno completato sotto Eliogabalo e Alessandro Severo. Erano alimentate da un'apposita diramazione dell'Acqua Marcia (Aqua Antoniniana

Le Terme di Caracalla erano uno dei maggiori complessi termali dell’antichità, forse il più ricco per il fasto delle sue decorazioni, oggi in parte perdute o disperse.

  • Furono fatte costruire interamente dall’imperatore a partire dal 212 dopo Cristo, in un quartiere periferico nella parte meridionale della città.
  • .
  • Novemila operai lavorarono cinque anni per sbancare le pendici dell’Aventino e realizzare l’enorme piattaforma quadrangolare di più di trecento metri di lato su cui venne edificato, sopra i sotterranei per i magazzini, i servizi e gli impianti, il grande corpo centrale in opera cementizia con rivestimento di mattoni.
  • .
  • Le Terme funzionarono fino al 537 quando Vitige, re degli Goti, durante l’assedio di Roma, tagliò gli acquedotti.
  • .
  • Da allora il complesso fu abbandonato e diventò un cimitero.
  • .
  • Gli scavi del ‘500 riportarono in luce statue e gruppi scultorei colossali, per lo più copie di originali ellenistici, che finirono nelle grandi collezioni del tempo come quella Farnese ora al Museo archeologico nazionale di Napoli.
  • .
  • Alla prima metà dell’800 risalgono la scoperta della palestra e lo stacco di mosaici con atleti e giudici.
  • .
  • Da allora continue campagne di scavo, specie a inizio Novecento, hanno contribuito alla conoscenza del monumento, rivelando gli ambienti sotterranei e il mitreo.

Oggi sono sede della stagione estiva del Teatro dell'Opera Di Roma.

—————————

TERME DI DIOCLEZIANO

 

Immagine del Terme di Diocleziano(Museo nazionale romano)

 

.

Il grandioso impianto delle Terme, le più grandi di Roma antica, venne costruito tra il 298 e il 306 d.C.

L'edificio termale, oltre ai tradizionali ambienti con vasche d’acqua di diverse temperature (calidarium, frigidarium e tepidarium), comprendeva un'aula centrale basilicale, la piscina scoperta (natatio) e molte altre sale di ritrovo, per gli usi più vari.

  • Parte del perimetro è oggi occupato dalla chiesa di Santa Maria degli Angeli: nel 1561 Pio IV decise infatti di trasformare le terme in basilica, con annesso convento, e affidò il progetto a Michelangelo.
  • .
  • Nel 1889 il complesso delle Terme divenne sede del Museo Nazionale di antichità romane e vi furono raccolte diverse collezioni archeologiche e i reperti provenienti da vari scavi.
  • .
  • Nel chiostro michelangiolesco sono oggi esposte circa 400 sculture di tutte le tipologie della produzione artistica romana (statuaria, materiali architettonici, sarcofagi, are dedicatorie).
  • .
  • Il museo comprende una Sezione Protostorica dedicata ai popoli latini e allo sviluppo della cultura laziale della tarda età del bronzo e dell’età del ferro (XII-VII secolo a.C.), con particolare riferimento al territorio di Roma; una Sezione Epigrafica dove viene illustrata la nascita e la diffusione della lingua latina attraverso vari documenti scritti, come il Cippo del Foro, la Corona in calcare di Palestrina, le defixiones, i tituli, le insegne delle associazioni ed un gruppo di testi che testimoniano la società romana, il suo sviluppo e usi e costumi.
  • .
  • Al museo delle Terme appartengono anche l'Aula Ottagona – trasformata nel 1928 in un Planetario di cui si conserva intatta una straordinaria cupola a ombrello e dove sono esposte alcune sculture trovate nelle terme – e le Olerarie Papali rinascimentali, dove enormi olle venivano utilizzate per conservare l’olio.

Le Terme di Diocleziano sono una delle quattro sedi del Museo Nazionale Romano,  con

  • Palazzo Massimo,
  • Palazzo Altemps e
  • Crypta Balbi

Curiosità:

- le terme erano una luogo frequentato quotidianamente dai romani antichi

  • Patrizi e plebei, venivano alle terme, non soltanto per igiene, ma anche per gli esercizi ginnici, le conversazioni con gli amici e il disbrigo di affari.
  • Nelle terme vi erano: il frigidario, ove scorreva l'acqua fredda; il calidario, con scorreva l'acqua calda; e il tiepidario, dove si restava brevemente tra il freddo e il caldo.

 

- vi sono anche a Tivoli 

——————————————————————–

(A cura della Direzione dei Bed and  Breakfast

"A room for holiday" e "A home for holiday" di Roma Centro,

2 febbraio 2013)